Tommaso Ghidini in visita a Beam IT ci mette al corrente del progetto di costruzione di una casa/ base spaziale sulla luna, che verra’ realizzata in loco con una grande stampante 3D.

Tommaso Ghidini è il capo della Sezione di tecnologia dei materiali dell’Esa, l’Agenzia Spaziale Europa. Da queste due passioni che animano la sua vita personale e professionale è partito per raccontarci cosa passa nelle orecchie di uno scienziato.

Tommaso Ghidini ci ha scritti a proposito dell’additive manufacturing e delle stampante 3D : “e’ stato un grande piacere visitare la Vostra azienda qualche giorno fa e constatare l’ottimo livello tecnico al quale siete arrivati, ma anche (e forse ancora piu’ importante) la grande conoscenza (e coscienza) che avete dei processi di stampaggio 3D e del modo di affrontare le sfide ancora aperte di questa tecnologia rivoluzionaria”

Beam-IT rende noto il video in cui Tommaso Ghidini spiega le infinite possibilità dell’additive manufacturing.

“Un giorno, un futuro non troppo lontano, gli esseri umani costruiranno una base lunare sfruttando la “sabbia” del nostro satellite. Grazie a una stampante 3D potranno erigere una sorta di igloo spaziale, dove vivere in sicurezza”.

L’ultima frontiera dello spazio è nel quartier generale dell’Estec (European Space Research and Technology Centre), in Olanda, cuore tecnico dell’Agenzia spaziale Europea (Esa), dove lavorano 2.700 addetti. E’ in questi laboratori che si studiano e sperimenta metalli e attrezzature da utilizzare nei voli spaziali.

Tommaso Ghidini ha iniziato costruendo modellini di aeroplani, poi il volo, l’Ingegneria e oggi alla guida della Sezione di Tecnologia dei Materiali dell’Esa, nei suoi laboratori studia materiali che potranno portare l’uomo ad abitare la Luna e in un prossimo futuro Marte. “Lavoriamo su tecnologie innovative, per rendere possibili missioni che altrimenti non lo sarebbero”.

 

Beam-IT non potrebbe essere più lieta di questa visita e di queste parole!

 

Read More


Siamo lieti di pubblicare le foto dell’Additive Manufacturing Open Day Beam-IT del 15 Novembre con un breve resoconto degli interventi che si sono susseguiti durante il giorno. Beam-It azienda di additive manufacturing con il parco macchine più ampio di Europa il 15 Novembre ha aperto le sue porte per far conoscere un settore innovativo e dalle incredibili potenzialità di sviluppo.

Beam IT ADDITIVE MANUFACTURING

Dalla prototipazione in plastica alla stampa additiva in metallo, Beam-IT si è sempre distinta per la volontà di innovare e fare ricerca. Innovazione e ricerca  e la presentazione delle strategie operative e ei livelli di qualità della fornitura sono stati i temi della giornata alla quale hanno partecipato i rappresentanti di Eurocoating, azienda partner per lo sviluppo additivo nel settore biomedicale, Renishaw, Arcam, UTC.

Beam IT ADDITIVE MANUFACTURING

Da Protoservice a Beam-IT, l’azienda ha focalizzato la propria attività sull’additive manufacturing (AM) di parti metalliche con l’impiego del fascio (beam) laser che fonde le polveri metalliche e le trasforma in prodotti 3D.

Beam IT ADDITIVE MANUFACTURING

Durante l’Open Day sono intervenuti come relatori, Mauro Antolotti, Ceo della’azienda, Gianni Nicoletto dell’Università di Parma che ha presentato studi condotti in collaborazione con Beam-IT sulla struttura e le proprietà meccaniche dei metalli in prodotti ottenuti tramite AM.

Beam IT ADDITIVE MANUFACTURING

5 impianti di Direct Metal Laser Sintering, 4 macchine di Selective Laser Melting (l’ultima delle quali installata a Settembre) e 2 per l’Electron Beam Melting, a questi si aggiungono 4 impianti SLS.

Beam IT ADDITIVE MANUFACTURING

Beam-IT si pone come punto di riferimento per le tecnologie additive, dalla prototipazione in materia plastica alla produzione additiva in metallo.

Beam IT ADDITIVE MANUFACTURING

Beam-IT in numeri:

17 impiegati

11 Sistemi Additivi

3M€ di fatturato

Contattaci per saperne di più!

 

 

Read More